Problemi di memoria RAM piena su Linux?

Dopo l’esecuzione di Linux, la memoria viene saturata? Quale processo la sta utilizzando in modo così massiccio?

Se la memoria si satura è perfettamente normale ed è il modo in cui Linux è progettato per funzionare. La memoria libera corrisponde ad una porzione di RAM che non viene utilizzata e che entra in azione quando è necessario incrementare le prestazioni del PC. Infatti il Kernel di Linux alloca la memoria di cui i processi non si servono in modo da migliorare le attività.

Possiamo vederlo in modo chiaro con il comando:

free -h

Problemi di memoria RAM piena su LinuxPer fare un esempio, prendiamo nota della memoria libera. Adesso avviamo e arrestiamo un programma pesante come può essere Firefox e vedremo che la memoria non utilizzata diminuisce. Se avviamo il browser una seconda volta, noteremo come la velocità di esecuzione sia maggiore. Questo perchè il kernel mantiene i dati in memoria pronti per l’uso successivo.

In un computer dotato di 16 GB di memoria fisica, solo 128 MB vengono segnalati come liberi. Al di fuori di questa, 13 GB sono utilizzati come buffer. In questo modo, l’accesso al disco è notevolmente migliorato, in quanto i dati vengono messi nella cache in attesa del prossimo utilizzo in scrittura e lettura. Se poi la memoria è necessaria per qualcosa di importante, verrà subito messa a disposizione.

E’ importante ricordare che non è solo il filesystem a rimanere in memoria. Lo stesso concetto vale anche per le librerie condivise.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *